Viabilità. Audizione in Commissione trasporti per chiedere di collegare l’asse mediano con Caivano

“A volte, sembra che c’è l’intenzione di creare disagi ai cittadini anche quando quei disagi potrebbero essere evitati con provvedimenti semplici”.

Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e il conduttore de La radiazza, Gianni Simioli, evidenziando “l’assurda storia dello svincolo dell’asse mediano che collega l’importante arteria con Caivano”.

“Da decenni ormai automobilisti e motociclisti diretti a Caivano, ma anche a Orta di Atella e agli altri comuni della zona, sono costretti a uscire a Frattamaggiore e percorrere poi strade interne intasando il traffico già caotico di quelle città perché lo svincolo non può essere completato perché ostacolato da tralicci e costruzioni” ha aggiunto Borrelli precisando che “basterebbe rendere a doppio senso di circolazione la parte dello svincolo già costruita per risolvere il problema, così come proposto da alcuni cittadini che hanno avviato una petizione”.

“Questa strada potrebbe collegare Casoria, Arzano e Casavatore con Caivano , mentre adesso chi abita in queste zone per raggiungere Caivano deve fare giri enormi con perdita di tempo e dispendio di benzina” ha detto Nino Di Mare che “non chiedo che sia abbattuto il palazzo ma quantomeno che sia aperto il doppio senso di marcia nel senso opposto in modo di permettere a tutti di usufruire di questa strada”.

“Chiederò a Luca Cascone, presidente della Commissione trasporti di convocare tutte le parti in causa per verificare la fattibilità della proposta che potrebbe ridurre il traffico e quindi l’inquinamento in quella zona delle province di Napoli e Caserta che già devono fare i conti con i problemi legati alla terra dei fuochi” ha concluso Borrelli.

Share This Post

Post Comment