Il Punto.

ROMA – Mario Monti sembra ad un passo dal formare il suo esecutivo. Dopo il via libera del Partito democratico, praticamente senza condizioni, e quello più tiepido ma altrettanto chiaro del Pdl, il presidente del Consiglio incaricato ha ottenuto l’appoggio della quasi totalità dei partiti politici presenti in parlamento, ad eccezione della Lega Nord. Resta tuttavia il nodo della presenza di politici nell’esecutivo. Questione che si tinge anche di giallo: dopo che fonti parlamentari del Pd hanno dato via libera alla presenza di Gianni Letta e Giuliano Amato nel governo, infatti, dai Democratici e’ arrivata una nota ufficiale che smentiva tale ipotesi pur ribadendo il pieno sostegno del partito di Pier Luigi Bersani all’esecutivo Monti.

 

 

”Diamo pieno e convinto sostegno ad un governo autorevole e a forte caratura tecnica, non per sostenere meno Mario Monti, ma per sostenerlo meglio”, ha detto il segretario democratico al termine del colloquio con l’ex commissario UE. Un appoggio, ha rimarcato, ”pieno e convinto” e sul quale il Pd ”non ha posto termini”. Nessun limite temporale, dunque, ma un implicito paletto alla presenza di politici. Bersani ha quindi insistito

sulla necessità che parallelamente alle misure anticrisi che il governo dovrà varare, il Parlamento affronti il tema delle riforme ed in particolare – e’ la richiesta dei Democratici – di una nuova legge elettorale, della riduzione del numero dei parlamentari e della riforma dei regolamenti delle Camere.

Il professore ha ottenuto anche il via libera da parte del partito di Silvio Berlusconi. Angelino Alfano, dopo oltre un’ora mezza di colloquio con il premier incaricato, ha parlato di incontro ”positivo” e ”articolato”. Per il segretario del Pdl, inoltre ”il tentativo del professor Monti e’ destinato ad un buon esito”. E’ il sostegno ufficiale che si attendeva, pur se temperato dal fatto che per il partito del Cavaliere l’esecutivo dovrà avere come ”capi saldo” gli impegni assunti dal Cavaliere e Bruxelles.

Ne’ Bersani, ne’ tantomeno Alfano (saliti a palazzo Giustiniani unitamente ai rispettivi capigruppo di Camera e Senato) si offrono alle domande dei giornalisti. Tuttavia, proprio mentre il segretario del Pd saliva al Colle, e’ trapelato il via libera dei Democratici all’innesto di Letta e di Amato nel governo. Circostanza smentita con una nota ufficiale qualche minuto dopo.

Il Pd, anche per evitare tensioni con gli alleati, non puo’ aprire a questa ipotesi, si commenta in ambienti parlamentari. Negli stessi ambienti si parla anche di ‘tatticismi’ probabilmente allo scopo di dare l’impressione di essere stati messi di fronte al fatto compiuto dall’insistenza dello stesso Monti, che, come ha detto chiaramente ieri, ”desidererebbe” avere in squadra dei politici.

Anche sul fronte del Pdl, in attesa di capire l’atteggiamento del Pd, la cautela e’ massima: anche se tutti, come conferma un dirigente di via dell’Umilta’, sanno che nessuno (a cominciare da Berlusconi) avrebbe nulla da obiettare alla presenza di Amato nell’esecutivo, purché vi sia anche Letta.

 

Di Serena Percuoco

Share This Post

Post Comment