Casoria alle prese con un evento nazionale: la mostra ornitologica.

La città di Casoria è stata la location di una manifestazione a carattere nazionale, tenutasi dal 3 al 7 novembre. La S.M.S. Filippo Palizzi, infatti, ha ospitato la Prima Mostra Ornitologica Nazionale voluta dalla Federazione Ornitologica Italiana e dall’associazione  AR.CA.FRA. (Arzano, Casoria, Frattamaggiore), con il patrocinio del Comune di Casoria. L’evento è stato dedicato al suo ideatore, Umberto Marchesini, scomparso sei anni fa. La figlia Daniela, presidente della mostra, ha espresso la sua riconoscenza verso tutti coloro che hanno voluto ricordare il padre attraverso questa “festa della vita”, come lei stessa l’ha definita. Allevatori, cultori o semplicemente appassionati provenienti da ogni regione della  penisola, hanno permesso l’esposizione di ben 1500 volatili. Una giuria di esperti, con l’ausilio di tre dottori veterinari, ha poi nominato un 1°, 2° e 3° classificato per ogni specie.

Gli uccelli con il loro cinguettio e il loro multi cromatico piumaggio sono stati in grado di affascinare ed incuriosire grandi e bambini. Ed è  in particolare a questi ultimi che si rivolge lo scopo dell’intera mostra ed il discorso del direttore Filippo Rossi,  secondo cui gli adulti sono in dovere di avvicinare i giovani all’ornitologia e alla natura, affinché le future generazioni possano comprenderla e rispettarla. L’amore per l’ambiente che ci circonda deve condurre alla sua difesa e alla condanna del bracconaggio, pratica barbara ed illegale che provoca forti squilibri all’interno degli ecosistemi e nei casi peggiori l’estinzione di numerose specie protette. In coerenza con quanto appena detto, è stato organizzato un concorso rivolto agli alunni delle scuole primarie e secondarie del territorio che hanno presentato elaborati grafici sul tema dell’ornitologia. I disegni più belli sono stati premiati domenica scorsa dal sindaco Stefano Ferrara in persona. I vivincitori del secondo e terzo posto hanno ricevuto diplomi di partecipazione, mentre ai primi classificati sono stati affidati splendidi esemplari di canarini. Casoria, dunque, orgogliosa protagonista di una circostanza gaia che ha saputo fondere l’esigenza comune di leggerezza, con un importante messaggio educativo rivolto alla cittadinanza ed in particola modo ai numerosi giovanissimi presenti. Perché come è stato correttamente affermato durante l’evento: “una mostra ornitologica avrà senso fin quando ci sarà un bambino a guardarla.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share This Post

Post Comment