ANAGRAFE, AL VIA IL NUOVO CONTRASSEGNO PARCHEGGIO INVALIDI

Più efficienza, più controlli e tempi rapidi ai benefici per i diversamente abili. Sono questi gli obiettivi che l’Amministrazione comunale intende raggiungere con il nuovo sistema di concessione dei contrassegni per il parcheggio invalidi. Da pochi giorni, infatti, è stata ultimata la digitalizzazione e l’informatizzazione della banca dati dei contrassegni con notevoli vantaggi per gli aventi diritto.

Più efficienza e risparmio di tempo perché gli impiegati comunali, all’atto della richiesta del duplicato o della sostituzione del contrassegno, potranno accedere subito alle informazioni necessarie, con notevole vantaggio per il rilascio del contrassegno agli aventi diritto. Ad oggi, 2716 (3 % della popolazione) i contrassegni in corso di validità.

Più controlli, perché sui nuovi contrassegni verrà impresso un timbro “a secco” antifalsificazione come quello apposto sulle Carte

d’Identità. Il tutto si traduce in una maggiore attenzione alla categoria dei diversamente abili in quanto si porrà un freno alla falsificazione dei contrassegni per usufruire dei posti auto riservati.

 

“Per tutti i servizi anagrafici è in corso una positiva attività di informatizzazione dei servizi, peraltro incentivata dalle recenti norme in materia, – afferma l’Assessore ai Servizi Demografici, Mariano Marino –  ai dipendenti ed al dirigente va il mio plauso personale, in particolare per il rilascio dei contrassegni invalidi.”

“La contraffazione dei cartellini è una deplorevole attività sia dal punto di vista giuridico che morale – prosegue Marino –  perché non solo viola la legge ma impedisce alle persone con disabilità di usufruire di un diritto, quello alla sosta agevolata”.

“La presenza del timbro a secco è, per fortuna, una garanzia della non falsificazione – conclude l’Assessore – il mio invito quindi è quello di non plastificare il contrassegno al fine di agevolare il lavoro delle Forze dell’Ordine preposte ai controlli previsti dalla Legge”.

Share This Post

Post Comment